immagine memini me ridotta.jpg

MEMINI ME RICORDAMI

Il Il femminicidio di Sonia Solinas a Dormelletto

Sonia Solinas, 49 anni, veniva ritrovata morta la mattinata del 26 aprile 2022 all'interno della propria abitazione a Dormelletto, sulla riviera piemontese del Lago Maggiore in provincia di Novara.

Sonia Solinas

E’ stata la madre della vittima, a rinvenire il corpo senza vita della figlia, avvertita dal datore di lavoro della donna che si era insospettito perché non riusciva a mettersi in contatto lei. Il cadavere presentava diverse ferite d'arma da taglio, susseguenti a una violenta aggressione.     

I sanitari allertati hanno potuto soltanto accertare il decesso della vittima. Subito dopo sono scattate le ricerche del convivente della donna, Filippo Ferrari. Il cadavere dell'uomo veniva ritrovato a San Bernardino Verbano (Verbano-Cusio-Ossola), sotto il ponte Casletto nella frazione di Rovegro. A scoprire il cadavere alcuni operai dell'Enel.

Ferrari dopo aver commesso l'omicidio si è diretto a bordo della sua auto verso Verbania, poi, arrivato a Rovegro, si è lanciato con tutta la vettura dal ponte Casletto con l'evidente intenzione di suicidarsi sin dall'inizio della fuga.

La coppia conviveva da circa 15 anni ma, negli ultimi tempi, secondo alcune testimonianze i due stavano attraversando un periodo di crisi. Non risultavano comunque segnalazioni di maltrattamenti, violenze domestiche o denunce alle forze dell'ordine. La donna aveva anche un figlio di 22 anni, nato da una precedente relazione.

L’autopsia confermava la dinamica del femminicidio. Sonia intorno alla mezzanotte del 26 aprile veniva uccisa dai numerosi fendenti inflitti con un coltello da cucina. L'arma da taglio, era stata trovata conficcata nel collo della vittima. Filippo Ferrari sarebbe rimasto accanto  al cadavere per tutta la notte prima di allontanarsi dall'abitazione nel corso della mattinata per compiere un ultimo gesto estremo.