“ALTAR MUJERES SXXI #VIDASENLUCHA”

Aggiornato il: gen 22

LIBERE “DA” … “LIBERE “DI”

Introduzione

Fin dalle origini delle società culturalmente organizzate, il femminile ha rappresentato in qualità di madre e protettrice della terra, la natura, l’acqua, il nutrimento che il pianeta offre ai suoi figli.

Il consumo eccessivo la superproduzione del superfluo ha fatto si che diventassimo vittime di una forma di avvelenamento che ha distratto i nostri reali bisogni sostituendoli a necessità vuote e prive di nutrimento.

La violenza dissimulata di un falso progresso del benessere e di una cultura predatoria ha ostacolato e travisato il corretto uso delle risorse del pianeta e ora ci si trova di fronte ad una crisi globale, che, oggi più che mai, pone in evidenza la fragilità dei sistemi messi in atto da politiche irrispettose dei diritti umani e operanti lo sfruttamento in ogni forma di risorsa del pianeta.

In occasione della ricorrenza dell’8 M, che ricorda il valore delle donne e delle loro lotte, attraverso azioni collettive, l'arte mette in gioco il suo potere trasformante, rende manifesta la potenza del possibile cambiamento, la necessità di un riallineamento al bene universale che significa riconoscimento di tutte le differenze come valore di complessità e ricchezza dell’ intero nostro esistere.

La liberta dalla fame, dallo sfruttamento dell’uomo sull’uomo, dall’ingiustizia basata su razza, religione, genere, provenienza. La libertà dalla violenza, dalla propaganda indotta di falsi bisogni, la libertà dalla negazione dei diritti, in conclusione la libertà dal bisogno è l’unica possibilità per essere liberi di esprimerci, crescere, identificarci negli altri realizzare quell’integrazione sociale che poi diventa giustizia, perché è solo a parità di condizioni che si può esercitare la vera libertà di scelta.

Il progetto per rappresentare la chiamata ad intervenire per sensibilizzare le coscienze e far si che ognuna ed ognuno faccia la propria parte per ricucire le tante ferite inflitte nell’ultimo secolo all’umanità ed al pianeta si sviluppa in più modi e su molti fronti.


CLICCARE SULL'IMMAGINE PER APRIRE IL LINK PER ISCRIVERSI AL PROGETTO





- Sul piano scientifico- tecnologico al fine di individuare soluzioni innovative che permettano un uso sostenibile delle risorse;

- Sul piano agro-alimentare perché solo realizzano una sana alimentazione in linea con la biodiversità e il clima delle varie parti del mondo si potrà essere liberi dai nocivi veleni che hanno intossicato le nostre menti per renderci schiavi di un consumismo sempre più pressante.

- Sul piano culturale diffondendo il sapere antico delle tradizioni, di etnie che stanno scomparendo perché inadeguate a misurarsi con una inglobante e fagocitante mitizzazione di falso progresso che tende ad uniformare i bisogni.

- Sul piano della divulgazione raccontando, gridando e cantando le voci, di donne e dissidenti che si sono opposte lottando per la libertà da e per essere libere di essere, riconosciute per la loro identità.

- Sul piano artistico affidando all’arte il ruolo di “grande mezzo liberatorio” che permette di esprimere il profondo, l’inconscio collettivo e individuale, per incanalare le energie necessarie a rianimare un mondo ormai sull’orlo di un baratro recessivo e annullante.

Una grande mostra globale

Un appello globale per realizzare una grande esposizione globale con l'obiettivo di elaborare un catalogo (serbatoio digitale), che sia un compendio di conoscenza fatto di voci , opere e azioni di donne e dissidenti a regimi totalitari che hanno vissuto nella convinzione e nella speranza che si possa essere “liberi di”…

Realizzando un intervento sonoro, verranno registrate queste voci per salvaguardare la saggezza e le conoscenze ancestrali delle popolazioni native e più a contatto con il senso della vita in simbiosi con l’ambiente, al fine di salvare questa conoscenza, in modo che non venga persa nel rumoroso caos contemporaneo e per diventare una banca di narrazioni e testimonianze, un manifesto verbale da trasmettere alle generazioni future.

Il collettivo Altar Mujeres SXXI #vidasenlucha" intende creare spazi fisici e virtuali per incontrare gli altri e portare il dialogo, il dibattito, la proposta di un ripensare collettivo e attuare quella interconnessione che attraverso i mezzi di comunicazione globale può incanalare messaggi positivi e propositivi per rigenerare le coscienze, infondere entusiasmo per raggiungere un vivere in armonia nelle comunità grandi o piccole che siano.

Ecco infatti che il progetto coinvolge grandi città e piccoli centri fino ad entrare nei nuclei delle comunità, così che l’abbraccio amoroso per quel che facciamo arrivi capillare a responsabilizzare ogn’uno. Solo cambiando la propria percezione del reale possiamo comprendere gli altri.

Altares, un'opera per tutti, un laboratorio di sperimentazione, produzione e creazione collettiva. È uno spazio eco-femminista di resilienza, di riunione, di incontro collaborativo per la creazione della 5a edizione del progetto "8M Global Resistance, Altar Mujeres SXXI #vidasenlucha”.

In 8M 2021, gli interventi richiederanno l’attenzione ad un'alimentazione sana e sostenibile, sostenendo la sovranità alimentare e chiamando a proteggere la diversità delle specie e delle risorse naturali che sono patrimonio della vita sulla terra.

Lo sviluppo dei temi sarà rappresentato con installazioni di materiali diversi rappresentando varie forme d’arte quali la texil art, la land art, la rust art, la stampa su ceramica la pittura con colori vegetali, e tutti quei materiali che la creatività dei partecipanti riterranno idonei alle tematiche qui espresse.

Esporremo più di 160 immagini transmediali, stampate a fuoco, ma anche ricamate su tessuti e trasparenze. Sono immagini di donne, referenti sociali, difensori del buon uso del suolo, che si sono battuti per la cura del corpo, per un'alimentazione sana e sostenibile in opposizione al consumo di materie raffinate che intossicano i nostri organismi e le nostre menti.

Dove sarà visibile l’opera di Altares Mujeres?

In MediaLab, durante le ultime due edizioni del progetto, abbiamo appreso e sperimentato questi nuovi modi ibridi di "abitare le reti contemporaneamente agli spazi fisici”, abbiamo destrutturato forme consuete, dialogato insieme, e costruito la possibilità di collegare 11 spazi dove si sono svolte le azioni artistiche di Altar Mujeres SXXI #vidasenlucha.

Per questa 5a edizione, la mostra si apre a nuove iniziative e nuovi spazi. Oltre a gli spazi museali di tutto il mondo, saranno coinvolte location urbane con interventi nelle piazze, nelle strade, nelle piantagioni delle Isole Canarie, in Spagna (Laguna University), nell'Università delle Arti e nella Scuola di Belle Arti di Rosario, Santa Fé.

Verranno realizzati orti biologici di quartiere, nella città di Roma, in molti paesi dell'America Latina e in diverse città del Canada.

Sarà coinvolto il laboratorio del suolo della facoltà di agronomia UNLZ, che condividerà le conoscenze con le comunità intervenute presentando il serbatoio dei semi per le nuove stagioni e generazioni;

Numerosi saranno i laboratori di formazione per la cura e il mantenimento del terreno impegnati anche nella costruzione di un seminario virtuale di partecipazione globale e gratuita che contempli la partecipazione sia di referenti della formazione accademica, che di referenti del campo della cultura popolare e gruppi di artisti.

Precedenti edizioni

Altar Mujeres Siglo XXI #Vidas en Lucha ha avuto quattro edizioni precedenti:

- Marocco Africa (10/2018) Residenza presso la comunità araba. MediaLab con la partecipazione di artisti internazionali e giovani delle scuole di belle arti Marakei e CasaBlanca.

- CCK Buenos Aires Argentina (03/2020) Spazio fisico del laboratorio con il curatore Kekena Corvalán.

- Matres Festival Italia, mostra virtuale + giornata di formazione e networking del programma #Cuarentalleres (08/2019)

- Spazi multipli e Ibridi nel Mondo, incontri ibridi di azioni + seminario globale in undici città del mondo (11/2020)


In cosa consiste l’appello di quest’anno?

1) È un bando per partecipare al progetto di Arte e Comunità che si svolgerà in varie mostre, in varie città del mondo.

Ogni partecipante o gruppo che vorrà prenderne parte è invitata/o a proporre ricerche e storie con la possibilità di presentare le sue produzioni in collegamento globale. Allo stesso modo, il partecipante si impegna a partecipare alla produzione del lavoro artistico che verrà sviluppato in Medialab#ComunidadCulturaSolidaria fornendo le competenze che ciascuno può aggiungere allo sviluppo collettivo e collaborativo. La produzione sarà svolta in spazi fisici e in spazi virtuali.

APPELLO

•Vi invitiamo a Indagare nella memoria dei vostri popoli e delle comunità con il contributo delle donne e di coloro che si sono impegnati per la difesa del suolo dallo sfruttamento.

* Vi invitiamo a candidarvi per la ricerca di possibili spazi espositivi per la presentazione del progetto.

*Vi invitiamo a contattare sponsor e che contribuiscano a finanziare le vostre produzioni e quelle comuni.

* Vi invitiamo a sviluppare azioni come piantagioni, costruzione di orti urbani agro-ecologici a beneficio della comunità, dove vivete o altre iniziative analoghe.

* Vi invitiamo a candidavi per realizzare laboratori per la trasmissione dei proprie conoscenze formative ed in particolare conoscenze incentrati sull'empowerment delle comunità.

* Vi invitiamo a sviluppare il processo grafico transmediale applicato al supporto ceramico per registrare le storie delle donne che saranno oggetto di analisi e studio.

* Vi invitiamo a ricamare e stampare tessuti per lasciare il ricordo di storie e saperi a tutela della cura del corpo e dell'ambiente.

Chi può partecipare?

Il bando è aperto e gratuito per tutti gli artisti visivi, studenti, accademici, ingegneri agricoli,

tecnici, leader sociali, gruppi, ecc. di qualsiasi nazionalità, senza limiti di età e sesso.

Quando?

Data dell'azione comune: 8 mesi 2021

Seminario: dall'8 all'11 marzo 2021

In che modo verrà mostrato il lavoro collettivo?


Mostre in spazi fisici: Nelle 11 città dove abbiamo esposto nella precedente edizione, tra cui la Casa Internazionale delle Donne a Roma, ill Museo Evita nella città di La Plata, il museo Otario Canada, più le nuove applicazioni che verranno aggiunte tramite open call.

Campione 3D virtuale interattivo: oltre ai campioni negli spazi espositivi fisici, il gruppo formato svilupperà anche un campione 3D virtuale interattivo su tutti gli spazi, le azioni e la partecipazione del programma del seminario.

Catalogo in formato virtuale interattivo di una pagina per la ricerca o la storia. Inoltre, se viene richiesto uno sponsor o una sponsorizzazione, c'è la possibilità di stampare la versione cartacea.

Mappa interattiva di geo-localizzazione con tutte le azioni, luoghi, con video e programmi giornalieri del seminario e campioni.

Programma trasmesso da MediaLab #ComunidadCulturaSolidaria con respiro globale: da 8M a11M dove si terrà un seminario internazionale e andremo in onda in tempo reale da tutti gli spazi espositivi e le azioni in cui si sviluppa il progetto.

Produzione del lavoro

Il lavoro artistico sarà diffuso in tutto il mondo e durerà per secoli nelle piantagioni, nei giardini agro-ecologici, nei murales in ceramica dislocati nelle città e nelle istituzioni e nella saggezza di ogni casa che aderisce al programma.

Medialab apre lo spazio produttivo dalla propria piattaforma per il collegamento con tutti gli spazi fisici dove si svolgeranno il lavoro e le azioni. Lavoreremo anche sul networking dalle piattaforme virtuali del progetto.

I membri che si candidano attraverso convocatoria saranno i coautori degli sviluppi in tutte le città in cui viene presentato il progetto, perché il lavoro è per tutti e per tutti.

Ogni partecipante dovrà selezionare 3 opzioni di attività, alle quali si impegnano a collaborare per realizzazione e la produzione dell'opera collettiva.

Attività per la produzione dell’opera globale e obiettivi del progetto

- Edizione del catalogo in formato digitale interattivo e cartaceo sulle indagini ricevute, poiché si cerca di tutelare la conoscenza e le azioni. Il catalogo interattivo contiene la ricerca o la storia con i nomi degli artisti e le rispettive biografie. Le ceramiche e i tessuti saranno dislocati distribuiti negli spazi di convivenza aperti alla partecipazione cittadina. I visitatori potranno accedere a informazioni su queste storie di lotte, metodi sulle pratiche dell'agro-ecologia ancestrale e contemporanea. Inoltre, su come generare una banca del seme e molte altre informazioni sulla tutela dell'ambiente, semplicemente scansionando il codice QR stampato su ogni piatto.

Il lavoro è anche un mezzo alternativo di formazione e decostruzione dove lavoriamo iniziative sperimentali che ci permettono di collegare lo spazio museale, l'accademia e gli spazi alternativi con le produzioni delle comunità locali e virtuali, dialogando, riflettendo, valorizzando e rendendo visibili sviluppi e un misto di conoscenze.


- Edizione digitale della Geo-localizzazione di tutte le azioni proposte e realizzate. Siti, campioni,piantagioni, orti urbani comunitari, ecc.

- Produzione del Certificato digitale attestante la partecipazione al progetto.

- Mostra virtuale 3D con tutte le presentazioni verbali, presentazioni scritte, spazi fisici di azioni comunitarie, luoghi di ceramiche esposte, piantagioni, ecc.

- Realizzazioni di video, tutorial, cortometraggi, documentari.

- Pubblicazioni sui social network e blog del progetto.

- Produzioni dal vivo anticipando gli eventi.

- Traduzione di testi e contenuti in inglese, italiano, portoghese e altre lingue proposte.

- Formazione di professionisti: sanitari, referenti del settore popolare, tecnici, ingegneri agrari, ecc. Si tratta di fornire laboratori, workshop e / o conferenze.

- Collaborazione in spazi fisici vicini dove eseguire la produzione e il montaggio del lavoro.

- Gestione sponsor e spazi di azione.

- Proclamazioni d’interesse culturale del progetto, delle azioni e delle mostre.

- Stampa e cottura di placche in ceramica, grafiche e tessuti che dureranno come memoria. Targhe che verranno installate in varie città del mondo come record di lavoro collettivo.

- Contabilità, pagamenti e elenchi.

- Grafica, flyers e volantini del progetto.

- Driver e supporti per le piattaforme del programma.

- Scrivi sul ricordo della 5a edizione Altar Mujeres SXXI #vidasenlucha ".

- Commissioni per la revisione della ricerca e dei progetti.

- Realizzare informazioni per la stampa (gazzette) e contattare i media per la diffusione.


Ricordiamo che l'opera è un laboratorio di produzione collettiva e collaborativa e sarà possibile solo con la somma dell'impegno e dell'energia di tutti i suoi coautori.


Il collettivo "Altar Mujeres SXXI

128 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Cibo ribelle

06_La_Demoiselle_de_Céret