La mela di biancaneve di Alessandra Francesca Spina

Qual'è stata la nostra fiaba preferita quando eravamo bambini?

Quale personaggio avremmo voluto essere e perchè?

La fanciulla buona e sola, la strega cattiva, la bambina incosciente e ingenua o la fata che fa miracoli?

Scegliamo ciò che vorremmo essere, ma c'è in noi una piccola parte di ognuno di questi personaggi, che sono legati a profili e caratteristiche psicologiche particolari.

La figura della fanciulla sola e buona, che affronta peripezie per scappare da una situazione di paura, può essere collegata al coraggio e al non abbattersi difronte a situazioni di difficoltà.

La figura della strega, in un bambino, evoca la paura mentre creando un profilo più psicologico possiamo accostarla all'ambizione, alla vanità e al senso di superiorità.

Per quanto riguarda la bambina incosciente e ingenua possiamo collegarla al passaggio dall'infanzia alla maturità, passaggio di ribellione e di rifiuto del consiglio materno.

Infine, potremmo riconoscere la fata come simbolo di protezione, potere materno ed esoterico e immortalità.

Biancaneve di Alessandra Francesca Spina

L'opera in ceramica da me realizzata è ispirata alla fiaba di Biancaneve, interpretata in versione “moderna” con una mela indossata come cappello in equilibrio sulla testa.

La mela, frutto dall'aspetto perfetto, rosso, rotondo e lucido era sin dall'antichità simbolo di tentazione e peccato e vista in psicologia come esperienza dissociativa dalla figura materna. Nell'opera la mela si trova sulla testa di Biancaneve per un motivo ben preciso: rappresentare e sottolineare la sfida nei confronti della strega e contro la morte. Infatti, il fatto che lei abbia la mela sul capo e non la stia mangiando o tenendo tra le mani simboleggia la forza contro la tentazione presente nella fiaba reale. Una forza, quasi eronica che la spinge a combattere contro il suo destino.

testo di Alessandra Francesca Spina


114 visualizzazioni
06_La_Demoiselle_de_Céret